3661977800   -    dal Lunedì al Sabato: 9:00 - 19:00

SIAMO super efficienti

Spedizioni in 24/48 ore

SIAMO al tuo fianco

Scrivici per ogni consiglio

Spedizione gratuita oltre i 47,00€
3661977800

SPEDIZIONI GRATIS DA 47 EURO E... CAMPIONCINI OMAGGIO PERSONALIZZATI IN OGNI ORDINE!

Creme solari per bambini: come sceglierle?

Creme solari per bambini: come sceglierle?

Quando andiamo al mare o in montagna, nella valigia non possono mancare le creme solari per i bambini: ma come sceglierle?

17/06/2022 12:38:00 | Siamofarmacia

In questo articolo ti forniamo una guida e alcuni consigli per proteggere al meglio i tuoi figli dai raggi del sole, facendo chiarezza su:

 

  • protezione molto alta e SPF 50+;

  • creme solari per bambini resistenti all'acqua;

  • differenze tra gel, stick, crema e spray.

 

1. Protezione molto alta e SPF 50+

Per i bambini siamo soliti scegliere una protezione molto alta con SPF 50+: è davvero corretto?

 

Cominciamo col dire che, a differenza che negli adulti, per i bambini non ci dovrebbe essere una ricerca di un’abbronzatura perfetta, ma il ragionamento deve poggiare sul miglior modo di proteggere la loro pelle delicata di raggi ultravioletti per evitare danni di breve e lungo periodo.

 

Per questo il fattore di protezione solare da utilizzare con i bambini deve essere quello più alto, ossia maggiore di 50. Inoltre, sulla confezione deve essere riportato che il prodotto protegge sia dai raggi UVA che dai raggi UVB.

 

Protezione molto alta e SPF 50+ non vuol dire la stessa cosa: secondo le linee guida europee emanate alcuni anni fa per risolvere la grande confusione in merito alle sigle dei prodotti solari, la dicitura “protezione molto alta” equivale, infatti, a un SPF che va da 30 a 50.

 

Il fattore di protezione ci dice di quanto può essere prolungata l’esposizione al sole per non avere effetti collaterali, rispetto a quando non si indossano solari: quanto più è alto il fattore di protezione, dunque, tanto più si garantisce la pelle del bambino. Dunque, la protezione molto alta andrà applicata più spesso della protezione 50+.

 

Riapplicare la crema diventa fondamentale anche se fa molto caldo e il bambino tende a sudare molto e dopo il bagno al lago, in piscina o al mare. Per questo è anche importante che la crema con protezione molto alta o con fattore 50+ sia facilmente applicabile.

 

In generale, dunque, i solari ideali per bambini dovrebbero presentare tutte queste caratteristiche:

 

  • avere un indice SPF molto alto o 50+;

  • proteggere sia dai raggi UVA che dai raggi UVB;

  • essere facili da applicare;

  • essere resistenti all’acqua.

 

Resistente all'acqua

Un requisito molto importante per la crema solare per bambini è che deve essere resistente all’acqua.

 

Ai bambini piace tantissimo fare il bagno e, che sia al lago, al mare o in piscina, entrano ed escono dall’acqua in continuazione oppure rimarrebbero in ammollo per un periodo di tempo indeterminato.

 

Il fatto che in acqua stiano freschi potrebbe indurre erroneamente a credere che siano anche maggiormente protetti dai raggi solari: nulla di più sbagliato. È proprio quando siamo a bagno che il sole fa i danni maggiori: i suoi raggi si riflettono sulla superficie dell’acqua e ce li rimanda addosso potenziati.

 

Per questo motivo, per i bambini dovremmo sempre utilizzare creme solari resistenti all’acqua, in modo da proteggerli durante e anche dopo il bagno, quando si stanno asciugando al sole.

 

Infatti, nemmeno con la pelle bagnata fuori dall’acqua i nostri piccoli sono al sicuro, anzi: i cristalli di sale depositati sulla pelle riflettono su di essa i raggi ultravioletti amplificandone gli effetti. Per questo, finito il bagno, dovrebbero poter continuare a sfruttare la protezione water resistant prima di passare, una volta asciutti, a una nuova applicazione.

 

Per usare correttamente i prodotti solari waterproof bisogna osservare alcuni accorgimenti:

 

  • preferire formulazioni meno fluide che sono risultate più persistenti anche in acqua o a contatto con il sudore;

  • rinnovare comunque l’applicazione dopo il bagno;

  • utilizzare una quantità abbondante di prodotto per assicurare la massima protezione.

 

E se il bambino non fa il bagno? La scelta della crema solare water resistant è altrettanto obbligata: la resistenza, infatti, non riguarda solo la permanenza in acqua ma anche l’efficacia nonostante la sudorazione della pelle.

 

3. Gel, Stick, Crema e Spray

Anche la scelta della formulazione del solare per i bambini non è facile data la grande offerta del mercato che propone prodotti in:

 

  • gel;

  • stick;

  • crema;

  • spray.

 

Il gel ha una consistenza leggera e impalpabile che dona molta freschezza alla pelle. In genere, è da preferire se il bambino presenta una pelle abbastanza grassa. Il vantaggio del solare in gel è che si assorbe molto rapidamente: per questo appare molto adatto ai bambini che faticano a stare fermi prima di andare a giocare. La rapida asciugatura, infatti, rende più difficile che la sabbia si attacchi alla pelle. Il gel è anche adatto anche ad essere spalmato sulla testa dei neonati, dove la capigliatura è rada e la cute ha bisogno di essere protetta.

 

I solari in stick sono in genere formulati in modo da essere destinati a proteggere piccole parti del corpo, quelle più sensibili: naso, orecchie, labbra, contorno occhi. Gli stick sono anche molto utili quando si debba proteggere una cicatrice o un neo.

 

La crema solare è quella in assoluto più utilizzata perché assicura di massimizzare la protezione ed è per questo molto adatta alla pelle delicata dei bambini. Inoltre, dà maggiore sicurezza nel non lasciare scoperte alcune zone. Da preferire le creme che si spalmano facilmente, con una texture morbida e di facile assorbibilità.

 

Lo spray solare, quando si tratta di bambini, è sicuramente il prodotto più comodo. Può essere spruzzato direttamente sulla pelle e non ha bisogno di essere spalmato, evitando ai piccoli lunghe sessioni di applicazione del solare. Rispetto alla crema, però, offre una durata di protezione minore e deve essere riapplicato più spesso. Inoltre, bisogna fare molta attenzione a non lasciare aree scoperte e non raggiunte dalla vaporizzazione.

 

 

 

 

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...

Recensioni certificate

Sappiamo come rendervi felici